PDA

Visualizza Versione Completa : Pensione e morte prematura



massirock
02-09-09, 17:08
Vorrei avere un chiarimento riguardo alla pensione che un giorno purtroppo ancora lontano lo stato DOVREBBE erogarmi.
Ogni mese ognuno di noi ha delle detrazioni dalla busta paga che finiscono appunto nelle casse dello stato, per poi rivederle un giorno sottoforma di pensione. Ma se uno muore prematuramente e quindi non usufruisce della pensione, tutti quegli anni di contributi pagati e restano allo stato??

Immagino di si...

andrea
02-09-09, 17:27
buona domanda....se sei sposato esiste una pensione di reversibilita' di solito che a seconda di quanto versato viee erogata....frequentemente al minimo.

giangi17
02-09-09, 17:53
ma credo che se tu muori (sempre facendo le corna) il coniuge non becca nulla......
giangi

auron
02-09-09, 18:03
se sposato alla moglie va il 60% della pensione e tocca in alcuni casi anche ai figli

Mav3r1ck
02-09-09, 18:11
si ma doveva giÓ aver maturato il diritto alla pensione? se si muore prima di avere la pensione forse non c'Ŕ questa cosa...

andrea
02-09-09, 18:31
penso prenda la minima

auron
02-09-09, 18:32
no no c'Ŕ sempre viene calcolato in base allo stipendio e si ha diritto anche alla buona uscita maturata

andrea
02-09-09, 18:37
buonuscita e' il tfr?

auron
02-09-09, 18:48
si buonauscita o tfr ( trattamento fine rapporto)

massirock
02-09-09, 20:42
Il TFR Ŕ una cosa e la pensione Ŕ un'altra.
Supponiamo che la morte venga a prendermi a 40 anni, quindi non sono in pensione e supponiamo che non abbia ancora una famiglia, tutti quei contributi versati nella mia vita lavorativa che fine fanno??
Vanno in regalo allo stato??

auron
02-09-09, 20:46
diciamo che lo stato Ŕ contento di non dover sborsare in questo caso

massirock
02-09-09, 21:13
E comunque non essendo ancora in etÓ pensionabile, anche avendo una famiglia sarebbero quindi tutti contributi versati "inutilmente"?

superdila
03-09-09, 09:26
E comunque non essendo ancora in etÓ pensionabile, anche avendo una famiglia sarebbero quindi tutti contributi versati "inutilmente"?

Ti risp io...

Se tu muori prima della pensione e non sei sposato....il tuo fondo pensione va allo stato!!!

Se sei sposato tua moglie pu˛ fare domanda di reversibilitÓ ed in casi eccezionali la pensione di reversibilitÓ spetta ai figli inabili!!!

Questa Ŕ la legge!!!

nokian90
03-09-09, 09:32
E comunque non essendo ancora in etÓ pensionabile, anche avendo una famiglia sarebbero quindi tutti contributi versati "inutilmente"?

"Inutilmente" al 100% non direi.

Per contributi tutti pensano solo alla pensione.
Per˛ c'Ŕ da calcolare l'assistenza sanitaria, la malattia ecc ecc.

Se ti ammali e muori prima della pensione, verrai curato gratuitamente a spese dello stato (oh, anche se ti ammali senza morire...).
Se hai un incidente e rimani invalido riceverai una minima pensione da parte dello stato.

Ovviamente e purtroppo questo riguarda in egual misura pure gli evasori fiscali per i quali noi paghiamo i contributi. Ma Ŕ un altro discorso.

marikalias
03-09-09, 09:41
E comunque non essendo ancora in etÓ pensionabile, anche avendo una famiglia sarebbero quindi tutti contributi versati "inutilmente"?

Esperienza diretta:

Mio cognato Ŕ morto a 39 anni nel sonno ed ha lasciato moglie e due figli!
A mia cognata Ŕ spettata la minima di pensione + gli assegni familiari di 2 figli minorenni (650 euro)!
Adesso i miei nipoti sono maggiorenni e mia cognata prende di pensione (solo perchŔ non lavora, altrimenti non gli spettava proprio niente) circa 300 euro!

Mio cognato comunque quando Ŕ morto aveva giÓ versato circa 25 anni di contributi!

massirock
03-09-09, 09:49
Se un disoccupato viene ricoverato in ospedale viene curato allo stesso modo di un occupato, non c'entrano niente i contributi. Certo versandoli si ha diritto alla malattia pagata (influenza o simili) ma a questo punto bisogna quasi sperare di ammalarsi spesso (sperando che il datore di lavoro non ti lasci a casa per questo) e di campare almeno fino a 100 anni o perlomeno di mettere su famiglia. Solo in questo modo si riuscirÓ a rivedere tutti o almeno una parte dei contributi versati.