PDA

Visualizza Versione Completa : Philippe Doumenc:Lo strano caso di Emma Bovary



sally0780
14-07-08, 20:57
Il mio adorato Zzub (http://zzub.com/) mi ha intrattenuto nelle scorse settimane con una nuova campagna di taglio letterario.
Il testo in questione é Lo strano caso di Emma Bovary dell'autore francese Philippe Doumenc.
Ancora una volta ho avuto il piacere di leggere un'anteprima editoriale. Il libro é uscito a giugno 2008 pubblicato dalla Castelvecchi.
A leggere il titolo si capisce subito che siamo difronte aqualcosa di già ben noto.
Alzi la mano chi non ha letto Madame Bovary di Falubert!!Credo la alzerete tuttu perchè, volenti o nolenti, alle superiori é un must della letteratura!!
Comunque...l'originale finisce con Emma Bovary, innamorata dell’amore, vissuta tra illusioni e inganni a suo marito (al punto da mandare in rovina il suo matrimonio), in un gesto disperato, si uccide assumendo dell’arsenico – o per lo meno questo è quello che sostiene Flaubert.
Ma tutti sanno che l’arsenico, in una sola dose, non è quasi mai letale… Ecco qui quello che è realmente successo: due medici vengono chiamati al capezzale della giovane donna. Uno, il dottor Canivet, rintraccia sul corpo segni di contusioni, l’altro, il professor Larivière, potrà testimoniare di aver sentito le ultime parole pronunciate da Emma: «Assasinata, non suicida». Due poliziotti di Rouen vengono mandati a Yonville per indagare sul fatto. Ed ecco che si profila subito una serie di sospettati: un marito tradito, due donne coraggiose, un libertino cinico, un farmacista concupiscente…
In un contesto mediocre e piccolo-borghese dove la perversione striscia nell’ombra, Philippe Doumenc orchestra una contro-inchiesta brillante e talentuosa, un vero romanzo sul romanzo.
Un noir che, alla fine, ci rivela quello che Flaubert stesso fingeva (forse) di ignorare.

Insomma...un giallo doppiamente intrigante per il lettore che si trova a ragionare sul "seguito" con la mente al "principio"...
Qualcosa di assolutamente imperdibile....

L'autore:
Philippe Doumenc (Parigi, 1934) prima di questo romanzo ha pubblicato Les Comptoirs du Sud (Premio Renaudot 1989, Seuil), En haut è gauche du Paradis (Seuil, 1992) e Les Amats de Tonnégrande (Seuil, 2003). Ispirandosi tanto a grandi opere letterarie quanto a fatti di cronaca e storia, Doumenc tesse insieme la finzione e la realtà, con grande maestria e successo.