Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 11 di 11

Discussione: ritiro da parte di terzi

  1. #1
    Utente junior
    Data Registrazione
    Apr 2017
    Località
    milano
    Messaggi
    38

    ritiro da parte di terzi

    ciao a tutti e grazie per avermi accolta!

    Finalmente un posto in cui trovare consigli per compratori e anche per venditori!
    Su internet non si trova molto!

    Volevo chiedervi: avete mai venduto un oggetto ed una terza persona ha ritirato per conto dell'acquirente? Consigli partcolari?

    Grazie a chi risponderà!!!


  2. #11
    Utente Senior L'avatar di gabrydvx
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Località
    mestre
    Messaggi
    761
    Citazione Originariamente Scritto da MAX Visualizza Messaggio
    Però scusa un consenso tramite email a mio modo di vedere non ha il minimo valore, visto che non è identificabile chi invia l'email (oltretutto su subito è anche criptata..)
    Proprio per questo motivo il mittente dell'email potrebbe essere sia Caio che Sempronio, e nel momento in cui avviene la compravendita di persona, in quel momento a mio modo di vedere si esaurisce ogni possibile richiesta.

    non so chi mi abbia inviato l'email, non so chi si presenti di persona, magari neanche mi viene detto che verrà un terzo.
    Ciao Max, la validità del consenso scambiato a mezzo mail apre un mondo immenso.
    Ti riassumo col dirti che è un mezzo ritenuto valido, ma vi è la concreta possibilità per uno degli acquirenti di dimostrare che gli fosse stato rubato/hackerato, ecc.
    Ecco perchè, come dici tu, non vi è mai un'effettiva certezza della stipula a mezzo di SOLA posta elettronica semplice.

    Ciò malgrado, parlando di subito.it, vi è anche la possibilità di contattarsi a mezzo telefonico, di scambiarsi gli indirizzi di PEC, ecc..
    Le parti potrebbero scambiarsi una piccola scrittura privata a mezzo di semplice mail (magari allegando documento d'identità per essere certi della provenienza).

    Ovviamente siamo sempre nel campo di oggetti di particolare valore per cui devono ritenersi indispensabili queste "cautele".
    Se parliamo di un cellulare da 150 €, nessuno avrebbe interesse ad accertare in un ipotetico giudizio che il contratto fosse già valido all'epoca dello scambio di e-mail.

    OVVIAMENTE - come ho ribadito già dal mio primo commento - spero appunto che la domanda di Nina riguardasse un caso un po' delicato, tale da giustificare ogni possibile accortezza!


  3. L'utente di EG dice.. "Grazie!" a gabrydvx per questo Post:

    MAX (10-04-17)

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •