Hype  
  bunq  
 
Pagina 1 di 6 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 56

Discussione: Vendendo con pagamento Paypal Amici ci si esclude dalla Protezione vendite PayPal

  1. #1
    Amministratore L'avatar di MAX
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    18,804

    Vendendo con pagamento Paypal Amici ci si esclude dalla Protezione vendite PayPal

    Inseriamo questa problematica che potrebbe accadere vendendo qualcosa e ricevendo pagamenti paypal in modalità amici (specie da utenti saltuari)
    La problematica è la seguente:

    Vendendo qualcosa e ricevendo il pagamento in modalità amici, se l' "amico" disconosce il pagamento e viene quindi stornato, ci si esclude automaticamente dalla Protezione vendite PayPal.
    La protezione avrebbe invece permesso, aprendo una contestazione, di recuperare l'intero importo di un pagamento idoneo soggetto a contestazione, chargeback o storno.
    Paypal in questi casi non copre perchè scrive chiaramente nelle condizioni che il venditore è responsabile di eventuali perdite per frode che non sono coperte dalla Protezione vendite.


    Citazione Originariamente Scritto da theartifact
    Venerdì scorso ho ceduto il buono Zalando da 100€ all'utente smith4 che mi aveva inviato il pagamento di 90€ via PayPal amico.
    Oggi, andando per utilizzare parte di quel credito ho scoperto che l'invio era stato sospeso. PayPal lo ha scalato dal totale del mio conto, con dicitura "sospeso". Purtroppo ho constatato che l'utente è un neo utente, circostanza che mi era sfuggita e che adesso mi lascia molto sospettoso. Ho scritto un messaggio privato, a cui attendo risposta. Tuttavia la mail del suddetto utente, risultante da PayPal, è inesistente...

    L'utente è letteralmente sparito. Ogni suo indirizzo di posta risulta non funzionante. Come da conferma ricevuta dalla assistenza PayPal, è stato lui a "disconoscere" (così lo chiamano quelli di PayPal nel caso di invio fra "amici") il pagamento che mi aveva fatto e lo ha fatto il giorno 24/02 subito dopo aver usato il buono Zalando che gli ho venduto. PayPal ha aperto tutta la procedura ed è ancora in corso la valutazione da parte loro. Io ho fornito tutti gli elementi in mio possesso ma è molto probabile che nonostante ciò stornino il pagamento e dunque io mi veda sottratti i soldi ricevuti come pagamento. Se ciò accadrà, sarà compiuta la TRUFFA architettata da questo utente. In tal caso valuterò lo strumento più idoneo per agire, ovviamente, compresa denuncia.
    Inoltre, da ora in poi non accetterò mai più pagamenti tramite PayPal.


    MAX

  2. 3 Utenti di EG dicono.. "Grazie!" a MAX per questo Post:

    gianni165 (23-09-19), otello (04-03-18), ponz (05-03-18)

  3. #2
    Utente Senior
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    palermo
    Messaggi
    1,388
    Utilissima discussione.
    Che voi sappiate, entro quanto (se c'è un tempo), il "donatore" può stornare il denaro inviato?


  4. #3
    Utente Senior L'avatar di ukiello
    Data Registrazione
    Jan 2008
    Località
    Como
    Messaggi
    892
    Inquietante. Davvero inquietante.


  5. #4
    Utente Senior
    Data Registrazione
    Aug 2012
    Località
    Genova
    Messaggi
    525
    Era una cosa di cui mi pare si fosse già discusso in passato, comunque è sempre giusto rinfrescare la memoria.
    E' evidente che il pagamento 'familiari e amici' non è fatto per transazioni 'commerciali', ma è uno strumento pensato, appunto, per familiari e amici.
    Detto questo, ho tre osservazioni:
    1) Per la sua comodità rimarrebbe comunque un ottimo strumento, a mio avviso, per acquisti e pagamenti sul forum. Come tutti gli strumenti, però, andrebbe usato adoperando la giusta cautela e quindi il solito consiglio è che andrebbe riservato a transazioni con persone che si conoscono da tempo o che abbiano un feedback solido o comunque una presenza storica e costante sul forum. Rimane la questione dell'utilizzo improprio, visto che Paypal vieta di usarlo per transazioni commerciali, e qui ci si assume il rischio di chiusure di conti o contestazioni da Paypal.

    2) Siamo sicuri che i pagamenti tramite Paypal in modalità normale (non amici) coprano anche le transazioni riguardanti beni immateriali come buoni Zalando o Amazon non fisici? Dalle regole direi di no, visto che la protezione vendite Paypal non copre "articoli equivalenti ai contanti (inclusi, senza limitazioni, articoli di valore predefinito, come carte regalo e carte prepagate)". In questo caso, quindi, la modalità di pagamento (amici o meno) non sarebbe rilevante.

    3) Ok, diciamo che qui come altrove si usi questo strumento (Paypal in modalità amico) in modo 'improprio' e che quindi le conseguenze del 'disconoscimento' siano a rischio e pericolo del venditore che utilizza in modo improprio uno strumento pensato per altro. Però poniamo che si usi in modo 'proprio', per esempio per rimborsare un amico (o un conoscente) che paga la cena a tutti con la carta di credito e riceve poi le quote pagate per gli amici/conoscenti tramite Paypal in modalità amico (di certo non si dovrebbe usare Paypal in modalità non amico per questi casi): beh, è giusto prevedere che dopo giorni questi rimborsi possano essere disconosciuti da amici (o presunti tali) o conoscenti col risultato che chi ha pagato la cena si trovi senza diverse quote? Non capisco l'utilità del disconoscimento: se ti rubano il conto, fai denuncia e disconosci anche se Paypal non ti offre l'opzione (come con Postepay e carte prepagate), se non ti rubano il conto a cosa serve? Se faccio un regalo o un prestito a un parente e poi ci ripenso?

    Ultima modifica di dogbert; 04-03-18 alle 13:37

  6. 3 Utenti di EG dicono.. "Grazie!" a dogbert per questo Post:

    giammy1994 (08-03-18), otello (04-03-18), ponz (05-03-18)

  7. #5
    Utente Senior L'avatar di TonyIronMan
    Data Registrazione
    May 2017
    Località
    Italia
    Messaggi
    139
    Io paypal amici non lo uso mai per grandi somme, a maggior ragione poi con un utente nuovo si dovrebbero usare solo metodo di pagamento sicuri.


  8. #6
    Utente Senior L'avatar di theartifact
    Data Registrazione
    Sep 2009
    Località
    Pisa
    Messaggi
    1,447
    Purtroppo è stata una mia leggerezza, avendo poco tempo ed essendo stato contatto via PM, mi ha beccato in un momento in cui ho letto distrattamente e di fretta... non mi sono accorto che l'utente era nuovo, anche perché il nick aveva assonanza con quello di altro utente con cui avevo già avuto a che fare. Inoltre, dopo 75 transazioni senza problemi non pensavo davvero di beccare il truffatore... e soprattutto non sapevo che fosse possibile disconoscere un pagamento anche dopo giorni (e ancora no capito come si fa, visto che l'assistenza PayPal non è stata in grado di spiegarmelo...).

    Rimane comunque un fatto, e l'ho detto chiaramente a PayPal: se gli scambi fra amici non sono coperti da protezione, non devono esserlo per nessuno, né per il venditore né per l'acquirente. Altrimenti loro, di fatto, si prestano ad essere usati per perpetrare delle truffe. Involontariamente ma finiscono per essere complici.

    Ultima modifica di theartifact; 04-03-18 alle 14:25

  9. #7
    Utente Senior
    Data Registrazione
    Mar 2015
    Messaggi
    441
    Bene metterlo in evidenza, tutt'oggi c'é gente che al solo nominare PayPal si autoconvince di essere al sicuro, senza badare in che termini e in quale contesto viene usato.

    Inviato dal mio LG-H870 utilizzando Tapatalk


  10. #8
    Amministratore L'avatar di MAX
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    18,804

    Citazione Originariamente Scritto da dogbert Visualizza Messaggio
    Era una cosa di cui mi pare si fosse già discusso in passato, comunque è sempre giusto rinfrescare la memoria.
    E' evidente che il pagamento 'familiari e amici' non è fatto per transazioni 'commerciali', ma è uno strumento pensato, appunto, per familiari e amici.
    Detto questo, ho tre osservazioni:
    1) Per la sua comodità rimarrebbe comunque un ottimo strumento, a mio avviso, per acquisti e pagamenti sul forum. Come tutti gli strumenti, però, andrebbe usato adoperando la giusta cautela e quindi il solito consiglio è che andrebbe riservato a transazioni con persone che si conoscono da tempo o che abbiano un feedback solido o comunque una presenza storica e costante sul forum. Rimane la questione dell'utilizzo improprio, visto che Paypal vieta di usarlo per transazioni commerciali, e qui ci si assume il rischio di chiusure di conti o contestazioni da Paypal.

    2) Siamo sicuri che i pagamenti tramite Paypal in modalità normale (non amici) coprano anche le transazioni riguardanti beni immateriali come buoni Zalando o Amazon non fisici? Dalle regole direi di no, visto che la protezione vendite Paypal non copre "articoli equivalenti ai contanti (inclusi, senza limitazioni, articoli di valore predefinito, come carte regalo e carte prepagate)". In questo caso, quindi, la modalità di pagamento (amici o meno) non sarebbe rilevante.

    3) Ok, diciamo che qui come altrove si usi questo strumento (Paypal in modalità amico) in modo 'improprio' e che quindi le conseguenze del 'disconoscimento' siano a rischio e pericolo del venditore che utilizza in modo improprio uno strumento pensato per altro. Però poniamo che si usi in modo 'proprio', per esempio per rimborsare un amico (o un conoscente) che paga la cena a tutti con la carta di credito e riceve poi le quote pagate per gli amici/conoscenti tramite Paypal in modalità amico (di certo non si dovrebbe usare Paypal in modalità non amico per questi casi): beh, è giusto prevedere che dopo giorni questi rimborsi possano essere disconosciuti da amici (o presunti tali) o conoscenti col risultato che chi ha pagato la cena si trovi senza diverse quote? Non capisco l'utilità del disconoscimento: se ti rubano il conto, fai denuncia e disconosci anche se Paypal non ti offre l'opzione (come con Postepay e carte prepagate), se non ti rubano il conto a cosa serve? Se faccio un regalo o un prestito a un parente e poi ci ripenso?
    Analisi perfetta e condivisibile
    Per quanto riguarda il punto 2 hai fatto bene a precisare, ma non sono sicuro al 100% che per "articoli equivalenti ai contanti (inclusi, senza limitazioni, articoli di valore predefinito, come carte regalo e carte prepagate) si riferisca alle gift card di aziende tipo zalando etc e non alle carte di credito prepagate con una cifra sopra (molto in voga in USA), sarebbe da approfondire. Altrimenti nessun sito venderebbe carte regalo accettando pagamenti con paypal.
    Per quanto riguarda il n.3 hanno (forse) creato appositamente il Money Box


    Qualche definizione presa dai termini di Paypal

    Chargeback
    Un chargeback si verifica quando un acquirente richiede alla società emittente della propria carta di credito di stornare un pagamento già eseguito.

    Rischio di storno dei pagamenti
    I pagamenti ricevuti sul Conto PayPal possono essere stornati in una data successiva (in alcuni casi, fino a 180 giorni dalla data di ricezione del pagamento) se soggetti a chargeback, rimborso, reclamo o se successivamente invalidati per qualsiasi motivo. Ciò significa che, per alcuni venditori, i pagamenti ricevuti sul proprio Conto potrebbero essere restituiti al mittente o altrimenti rimossi dal Conto dopo che il pagamento è stato effettuato e/o le merci o i servizi venduti sono stati consegnati.
    L'utente può tutelarsi dagli eventuali rischi di storno del pagamento dal conto seguendo le istruzioni contenute nel programma Protezione vendite PayPal e attenendosi alle istruzioni fornite ai venditori riportate nella pagina "Sicurezza" accessibile dalla maggior parte delle pagine del sito PayPal.

    5.3 Rischi di storni, chargeback e reclami.
    La ricezione di un pagamento nel Conto PayPal dell'utente non equivale all'accredito del relativo denaro. La notifica dell'invio di moneta elettronica non costituisce una ricevuta della moneta elettronica sul proprio Conto a meno che l'utente non abbia accettato il pagamento. L'utente accetta che una transazione di pagamento sia considerata completata e ricevuta dall'utente stesso anche se diviene oggetto di storno o chargeback. Reclamo, riserva o blocco. Quando riceve un pagamento, l'utente è responsabile verso PayPal dell'intero importo, eventuali costi sostenuti da PayPal ed eventuali spese se tale pagamento dovesse essere successivamente invalidato per qualsiasi motivo. Oltre alle altre responsabilità, in caso di storno o di risoluzione del chargeback o del reclamo a sfavore dell'utente che non ha il diritto di ricevere un pagamento secondo il Programma di protezione vendite, l'utente è debitore nei confronti di PayPal di una somma equivalente allo storno, al chargeback o al reclamo e delle tariffe indicate nell'Allegato 1 (incluse, se applicabile, le spese di chargeback). Per recuperare tale importo, PayPal potrà effettuare un addebito sul saldo dell'utente stesso. Qualora il denaro presente sul Conto fosse insufficiente per ottemperare a tale responsabilità, PayPal si riserva il diritto di recuperare il debito avvalendosi dei pagamenti depositati sul Conto e con qualsiasi altra modalità di rimborso accettata dall'utente. PayPal può inoltre recuperare l'importo dovuto tramite mezzi legali, incluso, a solo titolo di esempio, il ricorso a un'agenzia di recupero crediti. Se il mittente di un pagamento presenta una richiesta di Chargeback, sarà la società emittente della carta di credito e non PayPal a deciderne l'esito.

    MAX

  11. L'utente di EG dice.. "Grazie!" a MAX per questo Post:

    ponz (05-03-18)

  12. #9
    Utente Sostenitore L'avatar di nunkest
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    Cesena
    Messaggi
    1,809
    Citazione Originariamente Scritto da theartifact Visualizza Messaggio
    Purtroppo è stata una mia leggerezza, avendo poco tempo ed essendo stato contatto via PM, mi ha beccato in un momento in cui ho letto distrattamente e di fretta... non mi sono accorto che l'utente era nuovo, anche perché il nick aveva assonanza con quello di altro utente con cui avevo già avuto a che fare. Inoltre, dopo 75 transazioni senza problemi non pensavo davvero di beccare il truffatore... e soprattutto non sapevo che fosse possibile disconoscere un pagamento anche dopo giorni (e ancora no capito come si fa, visto che l'assistenza PayPal non è stata in grado di spiegarmelo...).

    Rimane comunque un fatto, e l'ho detto chiaramente a PayPal: se gli scambi fra amici non sono coperti da protezione, non devono esserlo per nessuno, né per il venditore né per l'acquirente. Altrimenti loro, di fatto, si prestano ad essere usati per perpetrare delle truffe. Involontariamente ma finiscono per essere complici.
    Mi spiace theartifact
    Se ha scritto qualcosa tra le note della transazione riferendosi alla carta regalo (ma dubito), anche se ha pagato in modalità "amico", forse si può fare qualcosa.
    Purtroppo il rischio di incappare in chargeback con PayPal, è uno strumento sempre a disposizione degli scammer.
    Altre forme di pagamento sono esenti da questo rischio.


  13. #10
    Utente Senior
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Italia
    Messaggi
    375
    Anni fa ricevetti un email da paypal che diceva che avevo speso 50 euro, scrissi e poi telefonai. Mi bastò dire che in quel momento non poteva essere neppure uno sbaglio visto che avevo avuto un ammanco di corrente. Da paypal mi rassicurarono dicendomi che avrei avuto presto i miei soldi, mi dissero che era una ricarica telefonica e non mi potevano dire il numero. Il mattino dopo ricevetti email e di nuovo le 50 euro. Per me questo è stato segno di serietà, e neppure avevo pensato che in mano a un truffatore poteva essere una buona arma.
    Mi dispiace tantissimo per cosa ti sia successo, ma se posso permettermi di dirlo, continua a scambiare, acquistare e a vendere come prima. Chi ha fatto questo si è preso i tuoi soldi ma non deve prendersi la tua serenità.


Pagina 1 di 6 123 ... UltimaUltima

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •